fbpx
BY STILVERSO

BY STILVERSO

Lo chiameremo Fattore Prossimità

Dal 2011 su Google le ricerche Esplora luoghi nelle vicinanze sono aumentate di ben 34 volte, raddoppiate dal 2014 al 2015. Del resto, a chi non è mai capitato di fare una ricerca del genere? Dal momento che si applica davvero alle imprese di ogni settore: dall’idraulico, al negozio di abbigliamento o alla ricerca di un bar o un ristorante, un’azienda presso cui stiamo per fare un colloquio o un appuntamento di lavoro…

Ovviamente è senza dubbio la moltiplicazione dei mobile in Italia la grande causa di questo cambiamento: solo attraverso il GPS Google può dirci dove possiamo trovare il negozio o ristorante più vicino.

Un altro spunto interessante di riflessione è questo: viene sempre più spesso meno la fedeltà alla marca. Non è più abbastanza per essere un grande brand fare “presenza” ma è necessario offrire un’esperienza utile, dal contenuto ottimizzato e customizzato per ogni quartiere/città/regione dove “vive” ed è posizionato. Siccome ancora molti grandi marchi non hanno tipologie di contenuti così diversificati, le opportunità per le imprese locali di farsi largo sono aumentate.

Sulla base di questo discorso speriamo di avervi convinto circa l’importanza del fattore “Prossimità”.

Ma da dove cominciare?

Innanzitutto prima di investire anche solo un centesimo in una forma di pubblicità “localizzata” bisogna come sempre analizzare i propri dati offline: un esempio? Identificare i codici di avviamento postale in cui la maggior parte dei vostri clienti risiedono, o magari lavorano.

Una volta che avete una buona conoscenza del vostro target (e trattasi di target “fisico” in questo caso) ecco qui due modi per ottimizzare il tuo Esplora luoghi nelle vicinanze.

1. Geo-personalizzazione

Google offre una serie di geo-accorgimenti per indirizzare gli annunci.

Ciò consente di personalizzare il vostro annuncio in base alla posizione geografica, in modo tale che sia maggiormente attrattivo per il vostro cliente acquisito di ritorno o per un potenziale interessato di passaggioo. Un marchio nazionale può sfruttare per esempio questa funzione per parlare al suo pubblico con offerte differenti a seconda del quartiere/città/regione, senza dover creare migliaia di campagne di micro-targeting.

2. Targeting di prossimità

Il targeting di prossimità consente di fare offerte sulla base della vicinanza alla vostra posizione. In città, il raggio potrebbe essere a pochi isolati. In un paese, potrebbe essere di alcuni km. E’ possibile infatti integrare Google AdWords con GoogleMyBusiness, dunque concentrarsi sui clienti che cercano esattamente nella vostra zona specifica, i quali molto probabilmente sono pronti a fare le transazioni più veloci.

Volete saperne di più? Scriveteci

Condividi questo articolo

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email

Scopri cosa può fare per il tuo brand
un'agenzia full-digital come STILVERSO