fbpx
BY STILVERSO

BY STILVERSO

Facebook e il suo potere in Italia

Se pensiamo al mondo dei social media ci viene in mente subito il viso perennemente sbarbatello e a volte anche un po’ arrogante di Mark Zuckerberg, creatore di uno dei più grandi lampi di genio di questo secolo: Facebook. E facciamo bene: secondo le recenti statistiche emerge che Facebook è ancora saldamente al comando nella classifica dei social media più utilizzati al mondo, con 1,59 miliardi di utenti attivi ogni mese.

Ma attorno a questo colosso della condivisione sociale si è sviluppato un vero e proprio universo di piccole o grandi realtà social: dai più ‘antichi’ Twitter, ora agglomerato di numerose start up, o Instagram, ora  di proprietà dello stesso Facebook, ai più ‘giovani’ e promettenti Tsu e Snapchat, per non parlare delle tantissime reti sociali apparse e poi strada facendo scomparse nel nulla… Inoltre il ‘nonno’ Facebook nei suoi 12 anni di età, che nel magico mondo del Web come quando si calcola l’età dei nostri amici a 4 zampe sono molto di più di quello che appare, è cambiato davvero radicalmente: non tanto esteticamente, quanto strutturalmente. L’algoritmo di Facebook (ovvero il modo con cui viene ordinata la nostra bacheca personale) non è lo stesso dalla sua nascita, si è evoluto nel tempo e continua ad evolversi; in quale direzione? Presto detto, a scapito della naturale distribuzione cronologica dei contenuti.

La crescita di Facebook prosegue anche grazie alle app mobile di proprietà WhatsAppMessenger e il già citato Instagram, e al numero di persone connesse dalla sua piattaforma Internet.org che è salito a 19 milioni. Sarà molto interessante – lo faremo nelle prossime uscite sul blog – leggere i dati legati al numero di video 360° e ai volumi generati dal sistema di donazioni, altre due fresche funzioni del colosso color blu cobalto. Insomma, Facebook sta diventando sempre più un agglomerato di piattaforme in evoluzione in qualsiasi direzione ed è sempre più in grado di raggiungere volumi inimmaginabili.

E in Italia?


In Italia l’aria di cambiamento non ha portato grossi scompensi: il popolo italiano è tuttora follemente innamorato di Facebook che detiene il 75% circa della torta di traffico social nazionale, una % ben al di sopra delle medie estere. Inoltre Facebook, tra i principali social media, è quello che detiene le quote di traffico web per sesso ed età più omogenee.

Le app chat più utilizzate, manco a dirlo, sono Whatsapp e Facebook Messenger. Instagram passa, invece, a una penetrazione del 12% (contro il 6% del 2015).

Questi dati macro ci fanno riflettere e siamo sempre più convinti della nostra tesi: per un’azienda che si rivolge ad un audience italiano la presenza, la costante attività e l’investimento pubblicitario su Facebook sono di imprescindibile valore, o meglio, l’assenza di tutto ciò è un incalcolabile svantaggio.

I dati numerici appena pubblicati (2016, We Are Social) parlano di almeno 28 milioni di utenti attivi sui social media ogni giorno su 37 milioni di internauti totali. Di questi, 24 milioni sono attivi come utenti mobile: è il dato maggiormente in crescita (l’anno scorso erano 22 milioni gli account ad accedere da smartphone o tablet). Un dato importante del nostro bel Paese in cui le utenze mobile attive sono circa 80 milioni, il 130% circa della popolazione totale!

Facebook festeggia una crescita del 57% dei ricavi pubblicitari, che arrivano per l’80% dall’uso dei dispositivi mobili.

Condividi questo articolo

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email

Scopri cosa può fare per il tuo brand
un'agenzia full-digital come STILVERSO