fbpx
BY STILVERSO

BY STILVERSO

Cosa vuol dire “fare branding”

Non capita spesso di avere la fortuna di lanciare sul web un brand fino a ieri inesistente e dover quindi creare da zero la sua identità (e reputazione).

Cos’è?

Innanzitutto cos’è questo famigerato “brand”?

Il brand, in italiano “marchio”, è enciclopedicamente parlando la denominazione commerciale o il simbolo che distingue un prodotto, una merce. Ma non si tratta solamente del nome con cui chiamiamo un prodotto: il brand racchiude in sé una serie di “sentimenti” che gli individui gli attribuiscono, le quali possono essere positive o negative.

Un brand può dunque ispirare fiducia, sicurezza, indignazione, può trasmettere dei valori. Ecco che allora la definizione della brand identity di un marchio o di un’azienda assume un enorme significato per il buon esito di una strategia di comunicazione.

Vediamo insieme le 5 fasi indispensabili di @SEMrush nel processo di branding!

1. Entrare nella mente del progetto/prodotto

Il primo importantissimo passo è cercare di carpire tutto ciò che ha portato alla nascita di questo futuro brand.

  • Da quanto tempo stava pensando al progetto?
  • Qual è il suo background culturale/lavorativo?
  • Qual è l’immagine che vuole dare del suo marchio?
  • Che cosa lo rappresenta al meglio?
  • Quali sono i suoi valori?

Dando una risposta a tutte queste domande avrai una visione d’insieme del progetto che ti aiuterà a restare maggiormente focalizzato sull’essenza del brand.

2. Raccogli informazioni a livello visivo

Una volta raccolte tutte le informazioni di cui sopra cerca di organizzarle in modo visivo. Questo ti aiuterà a visualizzare meglio ciò che il brand rappresenta e quello che deve trasmettere ai possibili acquirenti.

Può essere utile a questo scopo creare una cosiddetta moodboard, al cui interno inserire immagini che possono evocare dei sentimenti legati al brand: materiali, colori, oggetti, scene di vita.

moodboard

Allo stesso modo puoi creare una lista di aggettivi che ti aiuteranno a definire la brand identity e i prodotti che dovrai promuovere.

3. Naming e logo

In questo caso ti trovi di fronte a due strade:

  • è già ben chiaro il nome da dare al brand, perché magari si tratta di un marchio di famiglia che prende quindi il nome del fondatore
  • si dovrà progettare naming e logo ex novo e definire nel modo più efficace la brand identity, dunque è richiesto un vero e proprio brainstorming per trovare l’idea vincente che definisca perfettamente l’immagine coordinata del brand

4. Definizione della strategia e del tono di comunicazione

É arrivato il momento di pianificare la strategia di comunicazione e definire il tono di voce da utilizzare, cioè lo stile da dare alla comunicazione del brand.

Per definire la brand identity di un marchio è fondamentale individuare il target a cui il brand si rivolge. Per fare questo dovrai prima di tutto identificare le buyer personas, ovvero personaggi fittizi, identificati come possibili fruitori del marchio. Dopo aver identificato i profili dei tuoi possibili utenti puoi cominciare a pianificare la tua strategia.

Esempio: hai concluso che il tuo possibile target è composto principalmente dai Millenials (giovani dai 20 ai 35 anni) appassionati di attività sportive e con una vita sociale molto attiva?

  • il tone of voice sarà colloquiale, disinvolto, fresco, allegro
  • potrai usare colori vivaci
  • fare ampio utilizzo di Facebook, Instagram, YouTube e magari Snapchat

Devi prepararti anche al possibile flusso di comportamento degli utenti sul sito web (o app), pensando a quali dovranno essere gli elementi che attireranno l’attenzione dei potenziali clienti. È importante definire proprio in fase di progettazione dove posizionare questi elementi, per non lasciare nulla al caso e aumentare l’efficacia della tua strategia di comunicazione. È altrettanto importante monitorare il comportamento degli utenti tramite gli appositi strumenti di Web Analytics.

5. Comunicare il brand

La tua brand identity è chiara, sai come comunicarla: ora sei pronto per lo sviluppo del sito web e di tutti i canali di comunicazione associati (Social media e Storytelling, DEM, Landing pages).

Pianifica con cura e in anticipo il piano editoriale social, in modo da offrire contenuti di qualità che sappiano accendere l’attenzione degli utenti e prepararli al lancio del brand. Ricordati inoltre di aprire i vari canali ufficiali social qualche tempo prima del lancio ufficiale del progetto.

brand-story

Ti viene in mente qualche esempio di progettazione di una brand identity davvero riuscita o, al contrario, un caso in cui si sono clamorosamente sbagliati? Condividicelo nei commenti o via email

Condividi questo articolo

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email

Scopri cosa può fare per il tuo brand
un'agenzia full-digital come STILVERSO